TI vorrò sempre bene

L’amore per un figlio

Avere un figlio rimette in gioco e riqualifica tutte le certezze che faticosamente avevamo costruito. Una vera e propria rivoluzione: c’è una parte di noi che se ne va a zonzo per il mondo.
Una persona alla quale vogliamo bene solo perché è, perché esiste, indipendentemente da ciò che fa; i suoi errori o i suoi traguardi non ce la faranno amare di meno, perché è nostro figlio e questo basta. Ormai ci viene ripetuto continuamente che dobbiamo parlare con i nostri figli, che dobbiamo iniziare a dialogare con loro fin dalla nascita e mantenere un dialogo costante. Rassicurarli che una sconfitta non causerà la perdita del nostro amore, che per noi e’ già il tutto e non lo deve dimostrare. Concetti apparentemente semplici ma che non è così facile ed immediato  esprimere. Riusciamo sempre a spiegare e a rassicurare che li amiamo a prescindere? Anche se siamo arrabbiati? O distanti? O semplicemente prese dalla quotidianità?
Su questo tema ho trovato diverse proposte editoriali interessanti che aiutano a superare quei piccoli ostacoli alla comunicazione in cui a volte per lo stress e il lavoro caschiamo. Sono libri che con bellissime illustrazioni e con un testo narrativo semplice ed efficace colpiscono direttamente al cuore.

“Ti voglio bene anche se…”

E’ la storia di una volpe e del suo cucciolo, maxi e mini (dalla traduzione di Large e small). Un dialogo tra padre o madre e figlio, in un giorno come tanti, sicuramente un giorno “no” per mini. Mini si sente indispettito e di peso, “piantagrane” e incompreso; chiede conferme dell’amore di Maxi. E se fossi un insetto mi daresti ancora affetto?”, “e se fossi un coccodrillo?”. Maxi con pazienza e dolcezza smonta le insicurezze di Mini, rassicurandolo che lo amerà per sempre (“coccodrillo oppure no, io per sempre ti amerò!”). Molto tenera è la spiegazione che l’amore è senza fine, come la luce delle stelle.

Le illustrazioni di questo libro sono molto colorate e con effetto fumetto; la traduzione è resa con filastrocche che fanno sorridere i più piccini. Ha il pregio di aiutarci a spiegare con un sorriso che inidipendentemente da come sono, li amiamo semplicemente perché sono loro e questo per noi è sufficiente .

“Mi vorrai sempre bene, mamma?”

Mi vorrai sempre bene, mamma?

Già dal titolo si intuisce quale sia il tema affrontato da questa mamma e suo figlio al momento della nanna. Ettore chiede alla mamma “mi vorrai sempre bene?” e inizia il tenero e rassicurante monologo della madre che gli elenca tutti i momenti in cui gli vuole bene..”ti voglio bene quando ci coccoliamo e quando litighiamo”,”ti voglio bene quando riesci e quando non riesci”… fino a che gli svela il segreto: “ti voglio bene tutti i giorni e te ne vorrò sempre”. Un libro sull’affetto senza se e senza ma, più pacato rispetto all’altro che è un dialogo qui invece la voce della madre ci accompagna per tutto il libro attraverso illustrazioni delicate e pulite, dai colori pastello.

 

Che ne pensate di questi libri? Vi hanno conquistato come e’ successo a noi?

Lucia Pia O. (@lalibreriadigabriele)

 

 

 

 

 

Precedente Punto e a capo: nuovo anno Successivo Menopausa, nemica amica!