Rose del deserto

Da qualche mese in asilo hanno iniziato un nuovo laboratorio una volta a settima: lettura e coccole.

Alla fine dell’asilo, ci si può fermare col proprio bimbo ad ascoltare due storie lette dalla maestra e poi si beve un buon the caldo mangiano ciò che le mamme hanno cucinato o comprato.

Questo giovedì avrei volentieri comprato un buon pacco di sfogliatine visto che la mia giornata era full ma Matilde, prima di salutarla in asilo, sulla porta della sua classe, mi ha detto: “dopo c’è lettura e coccole! Fai i biscotti!!! Ciaoooo mamma!!!!!”.

Vuoi deludere le aspettative della tua piccola peste?! assolutamente no!

Quindi ho colto l’occasione per provare le rose del deserto (anche perché la mia dispensa non offriva molto!) e l’esperimento non è andato per niente male!

ingredienti:

  • 350 gr di farina 00;
  • 100 gr di burro ammorbidito;
  • 130 gr di gocce di cioccolato al latte o fondente;
  • 2 uova;
  • 100 gr di zucchero semolato;
  • 1 bustina di lievito per dolci;
  • q.b corn flakes
  • q.b zucchero a velo.

procedimento:

In una terrina mettere le uova con lo zucchero e frullare con l’aiuto di uno sbattitore elettrico.

Aggiungere man mano il burro ammorbidito (bastano pochi secondi al microonde), il lievito e la farina setacciati; per ultime le gocce di cioccolato. L’impasto risulterà consistente e denso: utilizzare un cucchiaio di legno per amalgamare bene gli ingredienti.

Mettere i corn flakes su un vassoio e con le mani schiacciarne qualcuno così da ottenere differenti consistenze.

Formare con l’impasto delle palline della grandezza di quelle da ping pong e passarle nei corn flakes finché saranno interamente panate.

Sistemate le rose del deserto su una teglia ricoperta da carta forno e infornate in modalità statica per circa 20 minuti a 180 gradi.

Una volta cotte spolverate le rose del deserto con dello zucchero a velo e servitele.

Si conservano bene per qualche giorno in un contenitore ermetico 😉

Astrid C. (@momisinthekitchen)

 

Precedente Mamma…Perché? Successivo WEEKEND CHE... NON SANNO DI WEEKEND